.
Annunci online

Società Civile Lucana - Voci,commenti,incazzature,opinioni su e intorno alle Politiche
POLITICA
18 agosto 2010
Antonio mo' fa seriament'
RUBRICA: ATKAKAZZ'

Riporto  di seguito l'intervento di AUTILIO già Assessore Regionale ed ora Consigliere.......
.
da BAS

Autilio (Idv): raccogliere “sfida” lanciata da De Filippo

Segnala ad un amicostampa
18/08/2010 09:54Il consigliere regionale dell’Italia dei valori propone di rilanciare il progetto della “Casa dei riformatori”

ACR
“Raccogliere la ‘sfida’ del presidente De Filippo per far coincidere la stagione autunnale con quella delle grandi riforme e della nuova governance territoriale, dei provvedimenti per il lavoro, il welfare, la famiglia deve diventare per Idv, come per tutto il centrosinistra, un banco di prova della capacità di governo della regione”. E’ quanto sostiene il consigliere regionale di Idv Antonio Autilio sottolineando che “è stato lo stesso presidente a riconoscere la qualità del dibattito che si è sviluppato in Consiglio regionale in occasione dell’assestamento di bilancio, dal quale è emerso che la concertazione diventa il metodo da seguire per contribuire alla realizzazione del programma di legislatura. Al confronto, che in passato ha toccato anche toni aspri e registrato qualche divergenza, arricchendo comunque le idee di buon governo deve quindi far seguito una rinnovata e più efficace intesa e condivisione con le forze sociali, imprenditoriali e con le opposizioni di centrodestra”.

“Ma prima di riprendere il confronto con il centrodestra, aiutandolo a superare un atteggiamento in troppi casi semplicemente di opposizione e consentire un più efficace apporto da parte dei parlamentari lucani e del Governo nazionale – afferma il consigliere di Idv – ritengo sia necessario riprendere quel progetto che ho definito la ‘Casa dei riformatori’, in modo da accrescere, superando antichi ‘muri ideologici’, il dibattito e le proposte per affrontare la nuova fase della legislatura e prioritariamente il processo di riforme indicato dal centrosinistra. Si tratta in definitiva di realizzare un vero e proprio ‘tavolo della governance’ della maggioranza che pratichi il metodo del protagonismo, della partecipazione e della responsabilità di ciascuna forza politica di maggioranza e di ciascun consigliere regionale perché le riforme, per avere efficacia, non possono essere calate dall’alto. Le esperienze relative alle vicende ospedale Tinchi di Pisticci e Alsia costituiscono elementi di riflessione per evitare il ricorso a provvedimenti e atti isolati senza una visione organica di insieme”.

“Sono passaggi importanti per il salto di qualità che si appresta a realizzare Idv: solo guardando lontano – continua Autilio – e sapendo che ci può essere una casa più grande della nostra, si possono determinare le condizioni per vincere la sfida elettorale che potrebbe essere più ravvicinata rispetto alla scadenza prevista e governare il nostro Paese, restituendo alla politica il ruolo di servizio dei cittadini per intercettare esigenze e bisogni collettivi. E' questa anche una prospettiva che offriamo alla società civile e a quanti si mantengono ai margini della politica, attraverso nuovi stimoli per dare il proprio contributo civico. C’è, dunque, bisogno di innalzare, in Consiglio come in Giunta, il tasso di politica riformatrice perché non sono sufficienti provvedimenti tampone in mancanza di riforme più complessive, nella sanità, in agricoltura, nei trasporti, in quanto le riforme sono l’unico strumento in grado di garantire razionalizzazione dei servizi, lotta agli sprechi e più efficienza per gli utenti”.

“Anche a livello istituzionale, dopo il rinnovo dei commissari delle Comunità montane, diventa sempre più urgente – conclude Autilio - procedere all’attuazione,per quanto possibile, della normativa di istituzione delle Comunità locali, rispetto alla quale si registrano di recente atteggiamenti e posizioni non del tutto chiari ed univoci. Anche mettere mano allo Statuto è un impegno che non ha nulla di rituale in quanto la Carta istituzionale più importante per la Regione deve contenere una cornice di riforme condivise e di forte connotazione partecipativa. Quanto al ruolo specifico di Idv – continua Autilio – siamo in attesa della definizione della data del congresso regionale che, dopo quelli provinciali di Potenza e di Matera, completerà il rinnovamento dei quadri dirigenti e sarà la “cartina al tornasole” su come adeguare il partito ai compiti sempre più impegnativi e gravosi affidati dagli elettori e per dare le risposte che le grandi aspettative dei lucani si attendono da noi. Il partito ha dunque bisogno di regole certe per la gestione e per la selezione della sua classe dirigente, di rituffarsi nel sociale e di ritrovare le motivazioni dello stare insieme, superando protagonismi e personalismi, facendo prevalere invece la collegialità, nella piena consapevolezza che dibattito e divergenze di opinioni su strategie e temi specifici sono un valore aggiunto e non certo un fenomeno da reprimere”.



EVA FA LA CORSA D' U' AMR' P' S' SV'GLIA'


Traduzione alla buona

Doveva fare la corsa del gambero (ovvero correre all'indietro) per svegliarsi.

COMMENTO FUORI DAI DENTI:

PERò QUANTE CHIACCHIERE VUOTE..........



sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte


Tornare alle idee ed alla pratica di Giustizia Sociale, Democrazia e Libertà dal Bisogno.  Sembra troppo? A Noi NO!


 

 

wordpress web hosting




IL CANNOCCHIALE